Home > Uncategorized > Strauss-Kahn perde il volo, oltre la faccia…

Strauss-Kahn perde il volo, oltre la faccia…

Senza guardare in faccia a nessuno, Melissa Jackson, il giudice (donna) di turno che Strauss-Kahn e i suoi avvocati si sono trovati di fronte, ha detto no. Ha valutato obbiettivamente troppo alto il rischio di fuga. E ne ha decretato il ritorno in una comune cella penitenziale.

A nulla sono valse le rassicurazioni, il milione di dollari offerto per la libertà su cauzione. Dominique Strauss-Kahn non sarà il nuovo Roman Polansky. Parola della giustizia americana, che negandogli la libertà su cauzione chiesta dai legali, ha accolto i sette capi di imputazione presentati dall’accusa e, nei fatti, ha deciso che Strauss-Kahn resti in carcere.

Impossibile negare che esista un pericolo di fuga, visto che il direttore dell’Fmi è stato prelevato proprio nell’abitacolo di un aereo di linea pronto a rullaggio, fermato in prima classe sul volo 23 dell’Air France in partenza da New York destinazione Parigi. Meglio non correre il medesimo rischio,  troppo recente il ricordo di quello che fece Polanski nel 1977 in un analogo caso di violenza sessuale. Troppo alto il rischio di ridicolo per le istituzioni americane, se  anche un altro francese eccellente potesse lasciare l’America senza rispondere alle accuse nei suoi confronti. «Tra Francia e Stati Uniti non vi è trattato di estradizione», hanno commentato all’ufficio del procuratore capo, Cyrus Vance, e non è affatto detto che, nel caso in cui Strauss-Kahn lasciasse il Paese, tornerebbe poi spontaneamente negli Stati Uniti per rispondere dei suoi capi d’imputazione. Per non parlare di certi precedenti…

comunque, per restare nei fatti,  molto difficile per la difesa giustificare tutti quei graffi che Strauss-Kahn aveva sul petto al momento dell’arresto. Molto difficile, sempre per la difesa, retrodatare l’ora di uscita dal mega hotel, visto l’orario di check-out. E davanti ai sette capi di imputazione, quali quelli di doppia violenza sessuale di primo e secondo grado, tentato stupro, aggressione sessuale di primo grado, sequestro di persona, palpeggiamenti forzati e palpeggiamenti semplici, le sorti dell’anti Sarkò nelle prossime presidenziali per l’Eliseo si vaporizzano immediatamente. Strauss-Kahn ha comunque negato tutto. La linea di difesa punta a dimostrare che Strauss-Kahn non può essere responsabile dei reati di cui è accusato perché ha lasciato il Sofitel di New York poco dopo le 12. Cioè a dire la stessa ora, minuto più minuto meno, in cui la cameriera del Sofitel ha denunciato di essere entrata nella suite 2806 per rifare la camera. La donna dice di aver bussato, come prevede la policy dell’hotel, di non aver avuto risposta, di essere entrata lasciando la porta aperta. In quel momento Strauss-Kahn è uscito dal bagno, nudo, e l’ha aggredita, forzandola ad una violenza sessuale nel corso della quale la donna, che pure ha cercato di fuggire, è stata costretta ad avere un rapporto sessuale orale e anale. Strauss-Kahn ha replicato a qell’ora aveva già lasciato l’albergo (il check out risulta però alle 12:30) per andare prima a pranzo con un testimone, poi al Jfk per prendere il volo per Parigi. E dopo 24 ore passate in cella, ha accettato a malincuore di sottoporsi a prelievi di DNA. Prelievi che mirano, in particolare, a verificare se sotto le sue unghie siano restate traccie di epidermide della donna. Stessa operazione sarà certamente stata effettuata sotto le unghie della presunta vittima, in cerca del DNA di Strauss-Kahn. Nei prossimi giorni se ne saprà di più.

Resta davvero una brutta storia, sia per l’istituzione che Strauss-Kahn presiedeva che per la stessa Francia. Nulla può dirsi circa come finirà. Ma certamente se c’è qualcuno che ne esce molto bene oggi questo è il dipartimento “Special Victim Unit” della Polizia di Manhattan, e in generale, la forza garantista delle istituzioni americane. Oltre che il tribunale federale di NewYork ed il sistema della giustizia federale nel suo insieme. Ognuna di queste istituzioni, infatti, non ha infatti vacillato nell’assicurare alla giustizia Strauss-Kahn, nonostante la sua notorietà, i suoi ottimi uffici, le sue enormi aderenze politiche, eccetera.  E  gli Stati Uniti d’America, con ciò, hanno di fatto acquisito un altro tassello di credibilità, specie su valori giudicati fondanti dagli stessi americani.

Così invece non è stato in Europa. In Francia si è subito parlato di complotto politico, difendendo a spada tratta la persona. Senza pensare che, anche se dietro tutto questo ci fosse davvero qualcosa di premeditato, una cosa è la tentazione e un’altra cadere nella tentazione. Tentazioni che per le cariche che Strauss-Kahn ricopriva non sono nemmeno pensabili come eventuali.

Così, giusto per chiudere con un amaro sorriso,  ecco una provocazione dialettica da provare a traslare entro i nostri confini: ma secondo voi, se Strauss-Kahn fosse stato da noi un importante esponente della comunità economica o politica, oltre che un cittadino italiano, come sarebbe andata? Il giudice lo avrebbe davvero tenuto in cella? E con quale strategia difensiva si sarebbe difeso? Avrebbe parlato di complotto politico? Oppure di giustizia eversiva? Ah, saperlo… Quel che è certo è che dagli Stati Uniti di America è arrivata una lezione di civiltà, oltre che di legalità. E nulla sono valse le scuse di Strauss-Kahn, che tutto ciò gli avrebbe rovinato ogni ipotesi di successo per la volata all’Eliseo. Per la giustizia federale americana, tutto questo verrebbe dopo. Da noi, probabilmente, tutto questo invece sarebbe venuto prima.

Annunci
Categorie:Uncategorized
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: