Home > politics, social > “Intellighenzie”: male della sinistra italiana? Forse no!

“Intellighenzie”: male della sinistra italiana? Forse no!

Doveva essere stimolante e costruttivo. Invece ci ha lasciato un po’ amareggiati e delusi, come davanti a un’occasione persa. La sensazione che, per alcuni, non sia stato stimolante ma distruttivo. Scrive il Corriere; “Doveva essere il calumet della pace dopo anni di polemiche. Il presidente del Copasir e il «filosofo dei movimenti» allo stesso tavolo, intenti a cercare insieme la formula magica «per liberare l’ Italia da Berlusconi»”. E invece, ha allargato le braccia a un certo punto, Bruno Manfellotto, direttore dell’Espresso, che moderava il dibattito tra Paolo Flores d’Arcais e Massimo D’Alema, lasciandosi sfuggire: “Ho perso la speranza”. Ecco, l’altro ieri pomeriggio all’Alpheus di Roma, è stato davvero difficile trovare dei validi punti di mediazione tra l’esponente di punta della società civile e il big, oggi quasi unico, della politica di centrosinistra italiana. E se il Lìder Maximo arriva a dare dello “stalinista” al suo interlocutore, l’altro lo ripaga subito dissotterrando un’ascia tenuta a fatica sotto terra, e ricordando quella bicamerale come l’inizio della “no opposizione”. Dei veri guai di oggi. “Non condivido la sua analisi”, ammette alla fine D’Alema (“nonostante la mia simpatia per Paolo”). E la parola “condivisione” a chi ha assistito al dibattito è davvero sembrata un obiettivo molto lontano.

Peccato peccato peccato, ci verrebbe da dire. L’occasione era ghiotta: quella della presentazione del numero di Micromega dedicato a “Berlusconi e il fascismo”. In realtà l’oggetto diventa il ruolo della sinistra (anzi delle sinistre) di fronte al berlusconismo. Fa resistenza D’Alema. “Se si fosse capito che le liste civiche sono essenziali non saremmo arrivati a questo, perché Prodi avrebbe avuto anche al Senato quei 50 voti di vantaggio che gli avrebbero consentito di governare senza ricatti. É necessaria dunque una coalizione ampia con quante più liste civili possibili”, attacca il direttore di Micromega.

Perché “il ventre è sempre grande, Berlusconi è il prodotto della società italiana”

Risponde l’altro: “Non mi pare di ricordare che nel 2006 abbiamo escluso qualche lista civica. Direi che abbiamo accettato tutto, anzi troppo”. E poi “anche una lista civica, nel momento in cui si presenta alle elezioni, diventa una formazione politica. E se non ha una disciplina politica diventa pericolosa. Una parte grande della sinistra italiana non è stata educata alla prova del governo. Io a combattere con un senatore Rossi o un senatore Turigliatto di turno sulla politica estera non mi ci voglio più trovare”. Poi, sposta il discorso: “Dobbiamo mettere insieme un’alleanza ampia non per vincere le elezioni, ma per governare” (anche se a chi gli aveva chiesto cosa pensasse delle affermazioni di Asor Rosa aveva replicato che “per liberarsi di Berlusconi sarà sufficiente il voto”).

 

Perché “il ventre è sempre grande, Berlusconi è il prodotto della società italiana”. Non si lascia inchiodare D’Alema da Manfellotto che gli chiede tempi e strumenti per mandare a casa il Caimano: “I tempi sono quelli costituzionali, a meno che il governo non cada”. Strategie? “Non ho nessun piano segreto. E pure se ce l’avessi, certo non ve lo direi”. È a questo punto che il dibattito s’impenna. S’infervora Flores, assume toni da comizio: “Si parla del dopo Berlusconi come se fosse un dato ovvio. Ma se vince le prossime elezioni ce lo troviamo al Quirinale”.

Attacca senza mezzi termini: “Il regime è tale perché l’opposizione non fa nulla”. Ribadisce la gravità degli attacchi ai magistrati e ricorda l’importanza di ripristinare reati come falsa testimonianza e falso in bilancio. Propone di nuovo l’Aventino dei parlamentari, si lamenta del fatto che in occasione del baciamano di Berlusconi a Gheddafi il centrosinistra non abbia riempito le città di manifesti. Sbuffa D’Alema, mantiene la calma. Ricorda con il suo sorriso più sprezzante che la politica non si “fa con i manifesti”. Strappa risate e applausi alla platea. Ci va giù pesante: “È tipico dello stalinismo dire che il tuo avversario ha vinto perché uno dei tuoi ha tradito”. Si lancia in un’analisi teorico-sociale quando parla dell’etica della classe dirigente italiana che è manchevole. Se la prende con la stampa borghese che mentre si vota la prescrizione breve disquisisce della responsabilità dei politici. Pur non risparmiando gli affondi: “Berlusconi con una mossa estremamente disinvolta, che dimostra che siamo governati da gente improbabile, ha cancellato il nucleare, che costituiva il 50% del suo programma, perché temeva che il referendum abrogativo potesse avere un effetto trainante su quello sul legittimo impedimento”. E poi, è vero, “il paese può tenere pure con lui presidente del Consiglio, ma il bunga bunga al Quirinale comporterebbe la disgregazione della convivenza civile”.

Flores non ci sta. E a questo punto ricorda la Bicamerale (“avrei voluto parlare del futuro, non del passato”), come inizio dell’opposizione che non si oppone. Quasi non vuole rispondere D’Alema. Poi fa un sospiro profondo (d’altra parte era palesemente arrivato col ramoscello d’ulivo) e propone: “Voglio parlare di contenuti. Tu hai una rivista molto importante, Micromega. Io ho Italianieuropei”. Finisce così, con la tregua delle riviste. Mentre D’Alema se ne va, qualcuno lo insegue urlandogli: “Puzzi di muffa”. 

 Audio del dibattito \”Come liberare l\’Italia\” (da RadioRadicale)

La bella notizia di oggi, fulmine a ciel sereno, arriva dalla voce di Flores D’Arcais, che lascia trapelare un’indiscrezione del tutto inattesa. Secondo la quale sembra ci sia stato un seguito, e che adesso si sia aperto un dialogo e si vada in un prossimo futuro ad una serie di iniziative tra Italianieuropei e MicroMega. Se tutto questo potesse diventare davvero presto realtà, sarebbe una bellissima cosa.

Il commento di Flores: “…sinceramente, non me l’aspettavo.” Il nostro? Beh, figurati noi!

Annunci
  1. stripedcat
    22 aprile 2011 alle 16:28

    era piu’ interessante il dibattito sull’integrazione (in germania, in italia) organizzato dal goethe institut con giornalisti italiani e tedeschi E CON IL PUBBLICO mercoledi scorso…

    • italian4journalist
      23 aprile 2011 alle 00:49

      Non ne sapevamo nulla, ma i lettori possono (e, perdicibaccolina, devono!!) anche proporre e stimolare… davvero un peccato non esserci stati… però, se ci puoi ragguagliare…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: