Home > Uncategorized > Area week-end: storie italiane incredibili, per sorridere in relax (che è meglio!!!)

Area week-end: storie italiane incredibili, per sorridere in relax (che è meglio!!!)

Storie italiane verisone week-end, ovvero ci sarebbe da piangere ma desideriamo farvi ridere… Fa meno male anche a noi!

La prima storia di cui vi scriviamo questa settimana è un esempio di italianità che chiunque si ponga oggi un problema di etica giudicherebbe …incredibile. Eppure, anche se al momento riceviamo simili notizie solo per fatti accaduti o generati da persone nate in Italia, tutto é realmente accaduto.  Ecco i fatti. Denuciate a Torino per ora già 53 persone per truffa. Prendevano la pensione anche da … morti! O meglio, ritiravano la pensione da diversi anni, nonostante non si presentassero mai agli sportelli. E nonostante fossero morti. L’operazione “Pantalone” condotta dalla Guardia di Finanza di Torino ha portato alla scoperta di 257 pensioni indebitamente erogate, assegnate a persone scomparse da tempo e riscosse da parenti e amici tramite utilizzo illegale di carte di credito.

Dal figlio che “premurosamente” ritirava le pensioni dei genitori, entrambi deceduti, alla nipote che per otto anni inventava scuse sempre diverse per giustificare l’assenza (forzata) della zia morta: sono diverse ed eclatanti le modalità della truffa da parte di 53 persone che, scoperte da controlli incrociati di varie banche da parte della Finanza, sono state denunciate per truffa aggravata al falso e utilizzo indebito di carta di credito. Ovviamente le carte di credito erano state richieste dagli attuali beneficiari, che le tenevano ben strette nei portafogli. Meno tracciabili ma egualmente riconducibili a terzi  i prelievi effettuati cash dalle carte bancomat intestate, ca va sans dir, agli “ignari” defunti…

L’inchiesta era partita alla fine del 2007 su vitalizi assegnati a persone ultracentenarie; gli investigatori hanno esteso le operazioni a livello internazionale in paesi che ospitano emigrati italiani come Brasile, Argentina, Canada, Australia e Uruguay. Finora sono stati scoperte 37 pensioni erogate a emigrati deceduti che percepivano regolarmente denaro all’estero.

Ecco  uno stralcio delle intercettazioni ambientali, grazie ai nostri bravissimi reporter di nera:

“Ciao Giusè, che fai ritiri la pensione de mamma tua?”

“E si che la ritiro, ecco ciò la delega”.

Antonio dietro lo sportello guarda Giuseppe (il nome è di fantasia, ndr) con sospetto, sa che Giuseppe ha 89anni e ancora ritira la pensione della mamma che ne dovrebbe avere 122. ..

” Scusa Giusè, ma mamma è a casà?”

Giuseppe ancora arzillo, forse perchè non ha mai lavorato, ma la pensione di mamma lui l’ha sempre ritirata puntuale con la delega…

” E’ a casa si, porella, nun cammina mica più purtroppo, sapessi che scocciatura venire a prendere sti du sordi tutti i mesi”.

Antonio, guarda Giuseppe da sopra gli occhiali..

” A Giusè, guarda che mamma tua è in pensione dall’età di 55 anni e con tutte le rivalutazioni annuali è arrivata a 2600euri, nun me pare mica tanto un sacrificio prenderla sta pensione, piuttosto dimme un po, ma sei sicuro che ancora campa? No perchè i giornali stamattina….”.

” Lassa perde li giornali, dicono tante fesserie, nonna sta a casa”.

” A Giusè, ho capito che sta a casa, ma … è viva?!?!?!?”

” Ciao Antò, se vedemo er mese prossimo, c’è pure l’aumento de gennaio”.

Annunci
Categorie:Uncategorized
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: